Home --> Festival WeekEnd -> XI Edizione 2012
XI Edizione 2012


Terminata la XI Edizione!
Ancora una volta tantissimi gli scacchisti che si sono dimostrati affezionati a questo nostro appuntamento annuale. Per questa undicesima edizione sono venuti infatti a Melegnano ben 109 giocatori. Molti i lombardi, ma molti anche i giocatori giunti da altre regioni d'Italia, e non solo! In una fortunata e festosa cornice primaverile, complice forse anche l'atmosfera del contemporaneo Carnevale Ambrosiano, si sono disputati i tre tornei, tutti davvero molto combattuti. Nell'Open C, in un lotto di 29 giocatori, tra cui un bel drappello di under 12, le nuove leve degli scacchi si sono date battaglia fino all'ultimo e alla fine l'ha spuntata Gianluigi LONATI di Giussago con 4.5 su 5, davanti a Giorgio NORDIO, classe 2002 (!!) e Luca REPOSSI. Ottimo quarto il tredicenne Bryan SWANNIE, che fino all'ultimo ha giocato per il primo posto sfuggitogli nell'ultima decisiva partita.

L'Open B è come sempre il torneo più numeroso (questa volta erano in 57) ed è stato molto incerto fino all'ultimo. A contendersi le prime posizioni il genovese Danilo MIRATA, alla fine quarto assoluto davanti al lodigiano Fabio BONOLDI. Buona la prova della 2N milanese Gabriele CORSO di anni 12, alla fine 6°. Ai primi tre posti, tutti a ex-aequo a 4.5 su 5, il forte 1N di Udine Francesco GOBBO, terzo per spareggio tecnico dietro al vincitore della scorsa edizione cioè il "nostro" Claudio FERRARI, che si riconferma ormai giocatore di vertice in questo torneo e prossimo al titolo di Candidato Maestro, mentre vince meritatamente il torneo l'altro lodigiano, Flavio FERRANDI, aggiudicandosi il punto definitivo nell'ultima partita proprio contro il suo concittadino Bonoldi. Ferrandi è stato poi anche l'unico a battere il forte CM nonvedente di Arezzo Fausto SCALI, che per questa sua prima esperienza a Melegnano era accompagnato e coadiuvato dalla madre: fino a metà torneo era a punteggio pieno, ha chiuso poi con un onorevole dodicesimo posto.

Ma veniamo al torneo più prestigioso, l'Open A. Anche questo torneo è stato particolarmente ricco di presenze giovanili: non solo i già noti, come l'undicenne milanese Luca MORONI Jr, sempre tenace, e il Maestro FIDE Francesco RAMBALDI, che quest'anno ha chiuso il torneo "soltanto" al nono posto, ma anche per i tanti nuovi come il CM comasco Daniele GONELLA (decimo) e il CM genovese Daniele CANTORO (undicesimo) entrambi diciottenni; poi c'era il ticinese Simone MEDICI (dodicesimo), il ventenne CM novarese Marco ANGELINI (alla fine settimo assoluto), e soprattutto il forte CM trevigiano Pier Luigi BASSO di anni 14 (sesto, a un soffio dai premi). Di tutti questi giovani e giovanissimi ha colpito la loro "maturità" scacchistica, la capacità di affrontare i più titolati con grande tranquillità ed eleganza, senza eccessivi timori reverenziali. A proposito di giocatori svizzeri e di eleganza, un grande plauso va invece al non più giovanissimo Claudio Boschetti ticinese di Melano elo 2142, giocatore e presidente di circolo, che all'ultimo turno, battendo il MI Paolo VEZZOSI, finisce 4° assoluto davanti a Christian GAGLIARDI. Per i primi tre posti, complice un non irresistibile VEZZOSI e un troppo titubante MF Raffaele DI PAOLO (entrambi però hanno simpatia da vendere!!), si capisce fin da subito che sarà una lotta tra il sempre battagliero (e ormai melegnanese ad honorem) MI Milan MRDJA, vincitore di ben 3 edizioni del nostro torneo, il MI filippino Virgilio VUELBAN, vincitore delle ultime due edizioni, e il Maestro Internazionale Duilio COLLUTIIS, giunto un po' a sorpresa qui a Melegnano con lo scopo di iscrivere il proprio nome sull'albo d'oro come primo italiano a vincere il nostro prestigioso Open A. Collutiis ha colpito per la sicurezza con cui si è "appropriato" della prima scacchiera e con cui l'ha mantenuta fino all'ultimo, una tranquillità e consapevolezza della propria forza di gioco che non si vedeva qui dai tempi del "grande" Igor Miladinovic (correva l'anno 2004). Nemmeno al quarto turno, nel drammatico match contro Vuelban, quando entrambi erano a 3 punti cioè a punteggio pieno, Collutiis, sebbene con il Nero, ha dato segni di nervosismo, portando a casa lento e inesorabile un punto decisivo per la vittoria del torneo, pareggiando infatti con scioltezza l'ultima partita con Mrdja, alla fine ottimo secondo. Vuelban si deve accontentare perciò del terzo posto. Del filippino rimane però il suo gioco aggressivo, sempre volto alla vittoria, ma un grande applauso va ancora a Duilio Collutiis, indiscusso vincitore di questa undicesima edizione di Melegnano!

Alla prossima!

Risultati e classifiche finali

Link:
Bando (html)
Bando (pdf)

Articolo de Il Cittadino del 28/02/2012

 
powered by